| Autore | Categoria scene da una colazione

La colazione delle Feste: leggera ma senza dimenticare la tradizione

colazione-natale-big

 

Ormai mancano davvero pochi giorni al Natale. Ecco i consigli degli esperti per non rinunciare alla colazione neanche nei giorni di festa.

Mai saltare la colazione anche durante le feste – Durante le feste di Natale, si sa, siamo portati a mangiare di più rispetto al resto dell’anno: aperitivi tra amici, cene e pranzi in famiglia di certo non aiutano a mantenere il solito regime alimentare. La prima cosa che ci viene in mente per cercare di “recuperare” qualche caloria è saltare la prima colazione.

“Mai rinunciare alla prima colazione: dopo il digiuno notturno è fondamentale reintrodurre energia con una prima colazione che contenga zuccheri, proteine, minerali e vitamine – spiega la dott.ssa Valeria Del Balzo, biologa nutrizionista. Gli zuccheri sono necessari per consentire all’organismo di svolgere attività motorie, ovvero per carburare, e soprattutto per migliorare la performance cognitiva. Ed è ancora più importante fare colazione nel periodo delle feste perché aiuta a equilibrare gli altri pasti della giornata e impedire di arrivare troppo affamati a quelli successivi. Saltarla rende più facile esagerare con le quantità.”

Colazione leggera – Ma come dovrebbe cambiare la prima colazione nei giorni di festa? “Dopo una cena in cui si è lasciati andare oppure in previsione di un pasto molto abbondante, come quello di Natale, consiglio una colazione più leggera – continua la Del Balzo – riducendo la quantità di quello che si mangia abitualmente e preferendo due biscotti invece dei 5-6 abituali, o due fette biscottate, con marmellata o crema spalmabile, accompagnati da un bicchiere di latte. E per chi si sveglia con lo stomaco chiuso dopo un’abbuffata consiglierei di sforzarsi e mangiare comunque qualcosa: bene un frutto accompagnato da uno yogurt oppure un bicchiere di latte, utili per spezzare il digiuno notturno e fornire l’energia che serve senza esagerare.”

Sì ai dolci della tradizione – Se nei giorni di festa o subito dopo una cena impegnativa è meglio optare per una colazione più leggera, nel corso delle due settimane tra la Vigilia di Capodanno e l’Epifania, il menu a colazione può essere più variegato e contemplare anche i classici dolci della tradizione natalizia, come Pandoro o Panettone.  Per chi invece preferisce restare fedele alle proprie abitudini bene anche un classico prodotto da forno, dei biscotti, cereali, fette di pane o fette biscottate con marmellata o crema spalmabile alla nocciola, accompagnati da uno yogurt e un bicchiere di latte.

Non ci resta che auguravi buone feste!

Lascia un commento